Contenuto Principale
×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /home/dhkarphq/public_html/media/k2/galleries/vvf
×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: media/k2/galleries/vvf
%PM, %04 %582 %2013

Intervista a Guido Lunelli, Comandante del Corpo Volontario dei Vigili del Fuoco di Pergine Valsugana

Postato da  

Sin da ragazzo sono stato attratto dai Vigili del Fuoco; ritengo sia un sentimento comune a molti. Il lavoro dei vigili del fuoco affascina. Forse per il coraggio che questi uomini dimostrano nell'affrontare i "nemici" più potenti e insidiosi per l’essere umano:  fuoco ed acqua sono elementi essenziali per la nostra vita, ma debbono poter essere gestiti in modo ad essa funzionale.

A tale riguardo ricordo l’attenzione che esercitava su di me il cartone animato “GRISU'”, il drago che desiderava essere il vigile del fuoco per antonomasia, ma che purtroppo era destinato a produrre ben altre condizioni.

In questi giorni, accompagnato dall’amico Nico Reali, ho avuto la possibilità di intervistare il comandante dei Vigili del Fuoco di Pergine Valsugana, Guido Lunelli, vigile del fuoco sin dall' adolescenza, dato che la sua militanza risale alla più giovane età.

Entrato nel gruppo giovanile a 12 anni, Lunelli è successivamente confluito nel ruolo dei vigili effettivi, svolgendo il servizio di leva (allora obbligatorio) proprio nel Corpo dei Vigili del Fuoco, presso la caserma “Le Cappannele" di Roma. Al termine, la passione per questo lavoro lo indusse a proseguire nell’attività, prestando servizio presso il Corpo Volontario di Pergine Valsugana.

Vicecomandante per 10 anni, dal 2009 è stato eletto comandante per la durata di 5 anni, così come dettato dal regolamento interno del Corpo ed è a tutt’oggi la persona che con i propri assidui e dediti colleghi,veglia con professionalità, attenzione e altruismo sull’incolumità dei perginesi.

Comandante Lunelli, com'è composto il Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari di Pergine Valsugana?

Esso è suddiviso nel modo comune a tutti gli analoghi reparti presenti in Trentino:

- Comandante

- Vice Comandante

- Capi Plotone (4)

- Capi squadra (4)

- Vigili effettivi (64).

 

Come si può notare, l’organico dei Vigili Volontari in servizio presso il Corpo di Pergine Valsugana ammonta a 74 elementi, con un’età compresa tra i 18 ed i 60 anni, costituente il Corpo volontario più numeroso presente in Trentino (Rovereto ne conta 50).

Comandante, ritiene sufficiente la consistenza numerica di questo reparto, per il servizio che esso deve svolgere sull'intero territorio Comunale, visto il repentino incremento della popolazione in questi ultimi anni?

L’organico è determinato dal Regolamento Distrettuale. Seppure datato, esso non prevede l'incremento dell’organico, per l'impossibilità di attuare una gestione ottimale dello stesso. E’ inoltre molto difficile per i lavoratori dipendenti di aziende private, ottenere il permesso per allontanarsi dal proprio posto di lavoro a seguito eventuali chiamate d’emergenza o per i necessari periodi di addestramento professionale, in quanto è assente dai contratti collettivi nazionali delle varie categorie professionali, un regolamento che normi tale attività.

Per questa ragione, la formazione e l'addestramento del personale è seguita dal capo squadra ed è svolta esclusivamente nelle giornate di sabato e domenica, durante le ore di servizio in caserma. Presso di essa è sempre attiva e disponibile, 24 ore su 24, una squadra composta da 6 unità

Va ricordato che nel periodo 2011/2012 sono state eseguite, tra manovre e  manifestazioni dimostrative, 31 attività, svolte da tutto il Corpo e unitamente ai reparti presenti nella Comunità di Valle.

A questo gruppo di Vigili effettivi è stato affiancato nel corso degli anni ’80, il gruppo “Allievi" (ragazzi compresa tra i 12 ed i 18 anni), che oggi annovera ben 20 elementi.

Essi sono sottoposti ad un’attività formativa sia pratica che teorica, comprendente:

corso radio, corso mezzi, sicurezza, nuoto e molto altro, tenuti da istruttori appartenenti al Corpo, titolati, mediante specifica frequentazione e qualificazione, finalizzata all’istruzione degli allievi.

Ulteriore ruolo di affinamento ed esercitazione professionale, assumono le gare a livello provinciale ed i CTF (percorsi pompieristici a tempo), periodicamente organizzati tra i Corpi territoriali.

A tale riguardo, va ricordata con soddisfazione, per il Corpo di Pergine, l’aggiudicazione del trofeo provinciale di quest'anno.

In tutto il territorio della Provincia, vi sono circa 1000 allievi e tra coloro che hanno promosso il reparto giovanile, vi sono quelli di Frassilongo e Fierozzo, a testimonianza dell'elevata sensibilità della valle, verso questa istituzione.

Al raggiungimento dei 18 anni, gli allievi entrano di diritto nel Corpo effettivo dei vigili.

Il comandante Lunelli ci tiene ad evidenziare quest’aspetto:

negli ultimi 10 anni il Corpo dei Vigili Volontari di Pergine, si è rinnovato per più della metà (circa il 54%), evidenziando un elevato turnover, derivante dalla particolare attrazione esercitata tra i giovani.

Tanta attenzione e professionalità hanno consentito di effettuare nel periodo compreso tra l’1 dicembre 2011 ed il 30 novembre 2012 (periodo tradizionalmente di riferimento per l’attività di tutti i corpi dei VVF, concomitante con la festa di Santa Barbara del 4 dicembre, patrona del Corpo), 582 interventi, per un totale di 4869 ore (l'anno precedente ammontavano a 579).

La prevalenza delle azioni attivate sul territorio sono state dedicate a servizi tecnici (apertura di porte e altri interventi specialistici) ed agli incendi (un aumento rilevante si è riscontrato negli incendi ai camini ed alle abitazioni).

Di notevole rilievo, nel periodo considerato, anche le partecipazioni ad attività esterne al territorio provinciale, a supporto della Protezione Civile. Tra esse, sono da citare, l'opera svolta a Bagno di Romagna (FC) a supporto della popolazione per le abbondanti nevicate di febbraio e l'intervento in Emilia, per la messa in sicurezza degli edifici lesionati dal terremoto.

Comandante Lunelli ci spiega perché spesso, si trovano ad operare nella stessa circostanza calamitosa, sia corpi dei vigili volontari che quello dei vigili permanenti di Trento, com'è ad esempio accaduto per il recente incendio dell’albergo Posta di Ponte Arche?

L’Ispettore Distrettuale sta ultimando il testo di nuove disposizioni, intese a perfezionare quanto previsto dall’attuale materia inerente l’allertamento e l’intervento delle risorse a disposizione. Questo anche nell’intento di evitare l'intervento, ove non ve ne fosse la necessità, del Corpo Permanente di Trento.

Di questi tempi nei quali la gestione economica della Pubblica Amministrazione in generale, appare onerosa e completamente da riorganizzare, va evidenziata l’economia di circa 18.000 euro sul budget previsto, realizzata dal Corpo perginese nell’esercizio 2011/2012, a testimonianza che l’oculatezza economica, non influisce negativamente sulla qualità e quantità dei servizi svolti.

Nel corso della visita alla caserma, abbiamo avuto modo di visionare la dotazione dei mezzi tecnici, tra i quali spicca la moderna autobotte, mentre appare obsoleto il mezzo porta materiali, per il quale si conta nel supporto economico del comune. La caserma di Pergine ricopre un ruolo di riferimento per la sicurezza di tutta la comunità di valle e pertanto ospita mezzi di grossa mole, utili a tutti i centri.

Chiediamo infine a Lunelli che cosa direbbe ad un giovane per avvicinarlo a questa attività sociale.

Oggi il gruppo giovanile è molto ampio e le esercitazioni di evacuazione effettuate nelle scuole e negli asili suscitano nei ragazzi molta curiosità, attenzione e interesse verso il Corpo.

Come ritiene sia esso percepito dalla popolazione perginese?

Esiste una sostanziale differenza nella percezione e considerazione che i vigili del fuoco ottengono dai perginesi: bisogna distinguere tra gli abitanti "autoctoni" e quelli di recente importazione, che qui risiedono ma svolgono altrove la loro attività lavorativa e sociale.

Questa differenza si manifesta anche in occasione di interventi quali, ad esempio: l’apertura di portoncini blindati e/o la bonifica di vespai.

I cittadini originari di Pergine, consapevoli che il servizio è svolto da volontari, rispettano e ringraziano i vigili, mentre i nuovi residenti, ritenendoli dei professionisti a tempo pieno, stipendiati, accampano spesso ulteriori pretese di servizi e richieste di vario genere.

A seguito del sostanziale incremento degli interventi ascrivibili a distrazione e sbadataggine, da qualche anno sono state introdotte delle tariffe forfettarie, finalizzate al rimborso delle spese vive ed a "calmierare" le chiamate per necessità estranee all'emergenza, superflue o per altri servizi, praticando costi che variano da 26 Euro per il servizio di apertura portoncini blindati e/o per bonifica di vespai, a 100 euro orari + 20 per ogni addetto impiegato, per gli interventi realizzati con l’utilizzo di mezzi particolari e di squadre specializzate (ad esempio per il taglio degli alberi dei giardini).

Questi introiti, così come le offerte raccolte con la consegna del calendario alle famiglie del Comune, sono interamente versati nelle casse del Corpo a sostegno del costi d’esercizio.

Ringraziamo il comandante Lunelli per il tempo dedicatoci e ci accomiatiamo da lui riflettendo, Nico ed io, su un ulteriore elemento scaturito da quest’intervista:

in quest’epoca di stentata attenzione verso gli altri, caratterizzata da un egoismo socialmente latente e personalmente persistente, l’esistenza di un’aggregazione che riesce a produrre servizio gratuito per gli altri, spesso a rischio della propria incolumità, appare un miracolo, la cui possibilità di reiterazione va salvaguardata.

In questo senso il Corpo Volontario dei Vigili del Fuoco, svolge oltre alla utilissima e salvifica attività istituzionale, una funzione di esempio etico, in una società che di tali attestazioni ha estremo bisogno.

Sosteniamolo, sosteniamoli, stiamo aiutando noi stessi.

Giorgio Decarli

{gallery}vvf:::0:0{/gallery}

Articoli correlati (da tag)

1 commento

  • Link al commento Cinzia Albertini %PM, %04 %717 %2013 %18:%Ott inviato da Cinzia Albertini

    Bell'analisi del prezioso contributo di questi volontari. Qualche anno fa ho avuto bisogno anch'io del loro intervento per un problema a casa e, posso confermare personalmente, sono veramente bravi e competenti, oltre che molto gentili. Complimenti.

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • LUI è tornato
    Scritto da
    Titolo: LUI è tornato (titolo originale: ER ist wieder da) Autore: Timur Vermes Editore: Bompiani “Lui è tornato” è una divertente parodia dall’umorismo pungente, un originale esercizio di fantasia che trasforma il peggior incubo del secolo scorso e il più grande tabù del popolo tedesco, in un personaggio dai tratti ridicoli. E lo fa, quasi incredibilmente, senza storpiare il vero modo di pensare di Hitler, ma semplicemente inserendolo in un contesto temporale e sociale completamente diverso, in un mondo cinico e distratto. Non c’è nessuna traccia di apologia del nazismo e, anzi, proprio attraverso l’umorismo – e ad alcuni episodi…
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 381 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto