Contenuto Principale
%PM, %30 %569 %2014

Così anche gli agnelli musulmani scopriranno il lupo dentro di loro

Postato da  
Così anche gli agnelli musulmani scopriranno il lupo dentro di loro

L'automobile è stata sempre sentita dai giovani maschi come una conquista di potenza. E di fatto lo è. Non per nulla la pubblicità di solito presenta un nuovo modello con accanto una prorompente ragazza sexy pronta ad accettare un passaggio: conquistare una donna è stato sempre simbolo, almeno in occidente, di qualsiasi altra conquista. È la velocità cui si può spingere un’automobile che suggerisce al maschio il senso della propria potenza? No, la velocità ne è soltanto lo strumento: il vero motivo è la possibilità di uccidere, una possibilità che trasforma l’automobile in una potentissima arma e l’uomo che la possiede ovviamente nel più forte di tutti, tanto quanto se avesse in mano una pistola. Molti dei cosiddetti incidenti del sabato sera, che di solito coinvolgono tragicamente i giovani, hanno alla base l’eccesso di velocità, una velocità che è per i maschi ricerca della massima potenza, quella che domina su tutti gli altri perché li terrorizza con il timore della morte.

In una società come quella europea, dove la violenza è repressa in forma addirittura ossessiva in ogni forma, dove non è lecito coltivare sentimenti ostili verso nessuno, né pronunciare parole che possano essere interpretate come offensive, i musulmani, immigrati o residenti, hanno ben poche possibilità di rivelare la volontà di potenza che li anima nei confronti degli europei. Una volta compresa però la funzione mortifera che si accompagna all’automobile è sufficiente mettersi al volante e lanciarsi in velocità sulla folla nelle strade o nelle piazze per provocare con estrema facilità terrore e strage. È quello che sta succedendo in Francia. Nel giro di pochi giorni, prima a Joué- lès- Tours, poi a Digione, poi a Nantes, un uomo alla guida di un camioncino o di un’automobile ha diretto la macchina contro la folla invocando il nome di Allah. Le autorità francesi escludono che si tratti di terrorismo in quanto non c’è nessun gruppo organizzato dietro ai singoli esaltati; si parla piuttosto di lupi solitari, di personalità fragili sulle quali fa presa la propaganda in favore della Jihad in un mondo interconnesso come quello attuale. Ma è un ragionamento troppo superficiale che non tiene conto dell’estrema possibilità di coinvolgimento e di conoscenza attuabile oggi attraverso i mille mezzi d’informazione dei quali siamo forniti.

Questo è il punto sul quale riflettere: nessuno oggi è veramente “lupo solitario”, in qualsiasi luogo risieda, qualsiasi sia la sua religione perché basta un clic a metterlo in connessione con molti altri, ma soprattutto perché anche il lupo più solitario sa che oggi l’unica, vera battaglia in atto nel mondo è quella dei credenti musulmani nei confronti di tutte le altre società, battaglia ovunque vittoriosa perché i popoli aggrediti o si sottomettono o scappano. L’islamismo è conquista, così come Maometto è stato un conquistatore. Non si può essere musulmani senza adeguare la società ai voleri di Allah.

Il cosiddetto dialogo interreligioso è un fatto da tavolino, di spirito tipicamente occidentale, non cambia e non può cambiare nulla all’intrinseca necessità di conquista che sottende il musulmanesimo. Per quanto tranquille possano essere oggi le comunità musulmane esistenti in Francia (così come in Spagna, in Italia, in Germania), verrà il momento in cui, mano a mano che le presenze musulmane diventeranno non soltanto molto numerose, ma consapevoli del loro essere vincenti, l’Occidente sarà costretto a risvegliarsi dalla sua stupida neghittosità e si accorgerà, ma sarà troppo tardi, di trovarsi sotto il piede islamico.

 

 

Ida Magli

Fonte: http://www.italianiliberi.it/Edito14/cosi-anche-gli-agnelli-musulmani-scopriranno-il-lupo-dentro-di-loro.html

 

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Il non-governo dell'Italia
    Scritto da
    Il potere è anarchico, fa quello che vuole, diceva Pier Paolo Pasolini. Il nostro ormai neppure quello, fa solo casino. Scene da Montecitorio in ordine sparso: un deputato-questore (la dizione è già oltre il ridicolo) morde la mano di una grillina; un certo Segoni si indica platealmente il pube mentre interviene in Aula; un altro pentastellato entra in commissione con il casco e insulta le colleghe del Pd dicendo che sono in Parlamento solo perché sanno fare i p...; insulti vari, cori da stadio, spintoni e botte da orbi con i commessi in livrea che non sanno che pesci prendere;…
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 362 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto