Contenuto Principale
Articoli filtrati per data: Agosto 2016 - PergineVox - Il cittadino Informa
Il caso. “Il Ttip è morto” per il vice cancelliere tedesco. Lo rimpiangeranno in pochi

di Augusto Grandi

Il Ttip è morto”, ha certificato Sigmar Gabriel, vice cancelliere tedesco. Con il rischio, però, che possa venir riesumato dopo le elezioni americane e quelle tedesche. Se davvero morirà, a rimpiangerlo saranno in pochi: le multinazionali e il ministro dello Sviluppo economico italiano, Carlo Calenda.

Pubblicato inNazionale / Estera
SOROS E “FRANCESCO” UNITI NELLA LOTTA…

Ormai da settimane ignoti hackers hanno messo in linea 2500 e-mail riservate fra Georges Soros, i dipendenti delle sue fondazioni  –  capeggiate dalla casa-madre,  la Open Society Foundation  e i  riceventi dei suoi  doni. I media ne tacciono, perché sono ovviamente imbarazzanti. Si vede per esempio che lui ha dato direttive ad Hillary Clinton quando era segretaria di stato,  su una crisi in Albania (sic) e su come risolverla: direttive che Hillary ha seguito alla lettera. Si vede anche che alla campagna di Hillary ha versato 30 milioni di dollari, il che ne fa’ il maggior donatore singolo.

Pubblicato inNazionale / Estera
La Natura si ribella e infesta le coltivazioni OGM

Amaranto, l’antica pianta sacra degli Incas attacca le colture OGM 
Panico tra gli agricoltori proOGM negli Stati Uniti.
Le loro colture di soia OGM, nonostante i massicci trattamenti chimici, non riescono a tenere alla larga l’antico cereale naturale dell’Amaranto, che si ribella infestando i loro campi.

Pubblicato inNazionale / Estera
P. Koenig: "Killary è il candidato della guerra: per questo sarà il prossimo Presidente Usa"

L'AD intervista l'ex economista della Banca Mondiale: L'informazione in Europa e altrove nel mondo occidentale è controllata per il 90% da sei giganti dei media che sono anglo-sionisti"

Pubblicato inNazionale / Estera
La base russa in Iran: un cambiamento fondamentale degli equilibri di potere nella regione

La Russia per la prima volta dalla fine della seconda guerra mondiale, ha annunciato una sua presenza militare in Iran. Il 16 di Agosto 2016, i bombardieri strategici a lungo raggio russi Tu-22M3 hanno fatto i primi voli e le prime missioni di guerra partendo dalla base di Hamedan, nell’Iran occidentale. Gli aerei hanno colpito i bersagli dei gruppi terroristi “Stato islamico”, Al Nusra e gli altri gruppi in Siria. In precedenza, l’aviazione strategica russa aveva effettuato le missioni di combattimento dalla base di Mozdok in Ossezia del Nord. Ora la distanza rispetto agli obiettivi in Siria ridotta del 60%.

Pubblicato inNazionale / Estera
OSSERVIAMO PIETOSO SILENZIO SU FIDEL - ROMPIAMO L'INFAME SILENZIO SU SLOBO

“La distruzione del mio paese è la dimostrazione che non esiste la globalizzazione, ma solo un nuovo colonialismo…Se le nazioni, gli Stati, i popoli fossero trattati da soggetti pari, non conquistati, stuprati, se il mondo non dovesse appartenere a una minoranza ricca, che deve diventare più ricca mentre gli altri diventano tutti più poveri, si avrebbe la giusta globalizzazione. Non si è mai vista una colonia svilupparsi e conquistare la felicità. Se si perdono l’indipendenza e la libertà, tutte le altre battaglie sono perse. Gli schiavi non prosperano”. (Slobodan Milosevic, ultima intervista. A Fulvio Grimaldi. Marzo 2001)

Pubblicato inNazionale / Estera
Sarà l’Ungheria ad aggiungersi per la prossima uscita dall’Unione Europea?

di  F. William Engdahl

Sarà l’Ungheria la prossima nazione ad uscire dalla traballante ‘Unione europea? La questione non è affatto così inverosimile come potrebbe sembrare. Il 2 ottobre, gli elettori in Ungheria parteciperanno a un referendum nazionale per votare se acconsentono alla immissione forzata di migranti in Ungheria da parte dell’UE oppure no.

Pubblicato inNazionale / Estera
ELITES E MIGRAZIONE: FALSA MORALE, VERI INTERESSI

I poteri (interessi) forti, attraverso i media da loro gestiti, giustificano l’immigrazione di massa come rimedio alla denatalità dei paesi occidentali.
La giustificazione non regge perchéquelli sono i medesimi poteri (interessi) forti che hanno indotto la denatalità(soprattutto)attraverso la loro politica monetaria deflazionistica e recessivala quale, assieme al modello sociale ad essa collegato, al contrario delle sue promesse di sviluppo e stabilità, ha tolto lavoro e prospettive per il futuro, nonché partecipazione democratica.

Pubblicato inNazionale / Estera
La Serbia si rifiuta d’imporre le sanzioni antirusse

L’Unione Europea e gli USA non si attendevano questa presa di posizione

La Serbia non introdurrà sanzioni contro la Russia, nonostante che questa condizione sia imposta dalla politica estera della UE.

Pubblicato inIstantanee
Soros con Renzi: Sì al referendum, cioè al diktat della Bce

Pochi giorni fa George Soros sul “Corriere della Sera” dispensava buoni consigli a Renzi su come vincere il referendum costituzionale. In questo modo il più famoso di quei moderni pirati che sono gli speculatori finanziari internazionali confermava ciò che in molti sappiamo.

Pubblicato inNazionale / Estera
Pagina 1 di 3
Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Qualità della vita in Italia: come nel Medioevo
    Scritto da
    Prima il posto fisso, poi il risparmio privato, infine la casa di proprietà. Ci hanno abituato a pensare che il lavoro stabile sia anacronistico, una dimensione nostalgica e inadatta alle dinamiche del Terzo Millennio (il Jobs act legalizza il precariato permanente e il licenziamento arbitrario). Fatevene una ragione ci hanno detto. E ce la siamo fatta. Ci stanno abituando a pensare che il bail-in sia una cosa buona e giusta (tradotto: le banche perdono giocando d’azzardo, i clienti pagano il conto, tutto a norma di legge. E ce ne stiamo facendo una ragione.
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 72 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto