Contenuto Principale
%AM, %28 %489 %2015

Protesta degli studenti del Marie Curie contro il PD

Postato da  
Protesta degli studenti del Marie Curie contro il PD

Stamane a Pergine gli studenti del Marie Curie hanno protestato contro il programmato convegno sulla nuova riforma della scuola, che prevedeva la presenza del presidente Ugo Rossi e dell’assessore PD Olivi.

La protesta si è levata quando è stato scoperto che alcuni studenti simpatizzanti del PD, accuratamente istruiti, avevano già predisposto le domande da rivolgere ai due illustri oratori.

 

L’indignazione degli studenti è scaturita dalla constatazione che il convegno, verso il quale erano stati dirottati, sospendendo le lezioni, gli studenti delle quarte e quinte classi, ovvero coloro che sono in età di voto, era in realtà un pretesto marcatamente elettorale, una “copertina corta”, sotto la quale occultare la campagna elettorale in corso per il rinnovo dell’Amministrazione comunale, che vede l’ex vicesindaco, segretario del PD perginese, Marina Taffara, insegnante nella stessa scuola, attivamente impegnata.

Ugo Rossi, constata la situazione, asserendo un’improvvisa indisposizione, non si è presentato all’incontro, lasciando il fido Olivi a svolgere il ruolo di illustratore dei contenuti di una riforma peraltro stentorea, nella palestra dell’istituto.

Non basta la sovraesposzione mediatica del leader maximo del PD, intronato a despota illuminato d’Italia, ma serve anche l’utilizzo improprio dei strumenti didattici, per amplificare i contenuti delle sue mediocrità legislative, che stanno facendo pagare un conto salato a tutti ma in particolare ai giovani.

 

1 commento

  • Link al commento Perginese doc %PM, %28 %814 %2015 %19:%Feb inviato da Perginese doc

    Ma questi non l'avranno ancora capito che sono finiti i tempi in cui dovevi abbassare la testa e dire sempre "sì signore"?...
    E gravissimo che una scuola pubblica, quale il Marie Curie si permetta di organizzare un convegno ed invitare solamente i gruppi politici dell'attuale maggioranza che governa la Provincia. Per nostra fortuna i ragazzi sono molto più intelligenti di una parte dei loro docenti e sanno distinguere cosa vuol dire vivere in un paese democratico, dove ognuno può esprimersi senza alcun timore o paura di ritorsioni.
    Alla fine chi ci ha rimesso sono state Taffara e la dirigente Boccher, dovrebbero vergognarsi e mi auguro che Rossi e Olivi stigmatizzino quello che è avvenuto oggi a Pergine.

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Fin che dura la pazienza
    Scritto da
    Uno degli ennesimi sondaggi affidati ai soliti “maghi” dell’indagine sull’opinione pubblica, ha rivelato che il vento a favore del parolaio fiorentino s’è dissolto. Il risultato delle elezioni regionali ha posto in agenda un rimpasto governativo che ha come principale obiettivo l’avvicendamento del premier ineletto. Il 40% dei voti delle europee s’è involato, mentre gli unici due piddini divenuti governatori in Puglia e Campania, sono rispettivamente il primo, Emiliano, un oppositore del ciarliere, il secondo, De Luca in attesa d’essere disarcionato dalla legge Severino.
    Leggi tutto...

Redattore

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto