Contenuto Principale
Venerdì, 19 Agosto 2016

La Serbia si rifiuta d’imporre le sanzioni antirusse

Postato da  
La Serbia si rifiuta d’imporre le sanzioni antirusse

L’Unione Europea e gli USA non si attendevano questa presa di posizione

La Serbia non introdurrà sanzioni contro la Russia, nonostante che questa condizione sia imposta dalla politica estera della UE.

Il presidente serbo Tomislav Nikolic ha incontrato il 16 agosto scorso a Belgrado il vice presidente americano Joseph Biden. Durante questo incontro, gli uomini politici si sono intrattenuti sul tema delle sanzioni antirusse.

“Noi non possiamo imporre delle sanzioni contro la Russia, nemmeno se esse siano conformi alla politica estera che la Serbia deve attuare in quanto membro della UE. Noi siamo legati alla Russia ed agli USA”, questo è quanto riporta l’addetto stampa del presidente Tomislav Nikolic.

Il presidente serbo ha inoltre aggiunto che nonostante il fatto che “ il cammino verso la UE sia la migliore opzione per i cittadini serbi”, egli non sia pronto a sottoscrivere un documento che rivesta valore internazionale con l’autoproclamata Repubblica del Kosovo.

Il vice presidente USA Joseph Biden, ha sottolineato che “gli USA non si attendevano che la Serbia facesse una scelta tra gli USA e la Russia”.

Washington ha ritirato il proprio sostegno alla Serbia nel cammino verso l’integrazione euopea.

Fonte Egalitè et Reconcialiation

Tradotto dalla redazione

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • La chiusura del South Stream è rischiosa per l’Italia
    Scritto da
    La notizia della chiusura del progetto “South Stream” è stata accolta da molte edizioni italiane come fulmine a ciel sereno. Nondimeno i dirigenti ufficiali italiani, che ieri avevano in programma la diversificazione delle forniture delle risorse energetiche, in primo luogo grazie al South Stream, hanno reagito in modo sorprendentemente contenuto alla rinuncia della Russia alla realizzazione di questo progetto. “In questo momento non riteniamo questo progetto fondamentale per l’Italia, per cui la decisione di bloccarlo non rappresenta adesso un motivo di preoccupazione”, ha detto il premier Matteo Renzi. Nicolò Sartori, specialista di sicurezza energetica dell’Istituto degli Affari Internazionali di Roma,…
    Leggi tutto...

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto