Contenuto Principale
%PM, %21 %468 %2013

LA DITTATURA EUROPEA

Postato da  

Titolo: La Dittatura Europea

Autore: Ida Magli

Editore: Bur  Rizzoli

Argomento: Politica Società

Saggio interessantissimo, scritto da un’antropologa con una visione perfetta della situazione italiana ed europea, non solo dal punto di vista sociologico ma anche politico e culturale. Fa luce sui punti oscuri e sulle recondite finalità di questa “Unione” che sta inesorabilmente distruggendo l’identità dei suoi popoli.

Un illuminante contributo per comprendere le scelte dei politici che, proprio quando appaiono assurde, celano il loro vero scopo: manovrare le persone e le economie a solo vantaggio di pochi. Cinzia Albertini

Breve sintesi:

Quindici anni fa Ida Magli è stata una delle prime studiose autorevoli a schierarsi nettamente contro l'idea di un'Unione Europea, mostrandone i limiti, le storture e gli errori d'impostazione. Oggi, con la crisi dell'euro e il collasso di interi Stati, davanti a crescenti spinte separatiste e ai molti "no" sul progetto di costituzione unica, i fatti le danno ragione. L'unificazione è stata portata avanti per tentativi ed errori, e cinquecento milioni di persone diverse per lingua, storia, religione e costumi si sono ritrovate loro malgrado parte di una realtà che conoscono male e di cui nessuno gli parla. I vantaggi promessi non sono mai venuti, e l'UE pare solo un moltiplicatore di poltrone ad uso dei politici. In questo saggio fortemente polemico l'autrice affronta un argomento che pare tabù, indicandoci i responsabili di un progetto nato male, in cui gli stessi governanti non hanno fiducia. E, tra le ammissioni di giornalisti, politici, amministratori, industriali e uomini di Chiesa, ci mostra come nessuno si stia opponendo a quello che ritiene un processo disastroso ma inarrestabile.

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Crescita infinita, benessere diffuso
    Scritto da
    Per tutti gli anni settanta e ottanta, prima della caduta del muro, ai berlinesi dell’est che riuscissero a traguardare al di là del Chek point Charly in Friedrichstrasse, si presentavano tra mille scintillii di luci le boutique del settore occidentale. Un’attrazione che dimostrava ciò che era l’occidente: non retorica politica, conformismo innaturale per i più intelligenti, burocrazia fatta di moduli e visti, sfruttamento economico sovietico, ma libertà, spazio per la propria intraprendenza, nuovi prodotti, macchine e belle cose da comperare, indefinitamente, con i proventi di un lavoro ben retribuito.
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 146 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto