Contenuto Principale
Renzi-Napolitano, due vili traditori della Repubblica italiana al servizio della finanza internazionale

Matteo Renzi e la sua vergognosa deforma costituzionale sono da tempo pesantemente criticati da tutti i giuristi che hanno un minimo di competenza in materia. Chi vota si, nonostante una preparazione tecnico-giuridica, può essere solo in malafede, oppure macroscopicamente ignorante.

Pubblicato inNazionale / Estera
L’Italia dovrà scegliere: l’euro o la sopravvivenza economica

L’editorialista finanziario Ambrose Evans-Pritchard: Italia bloccata in una deflazione da debiti, con una crisi bancaria senza difese davanti ai vincoli dell’unione monetaria’

Pubblicato inNazionale / Estera
Italia come Grecia: ricetta perfetta per il fallimento sociale

Il dato che dovrebbe allarmare i nostri concittadini, o almeno inquietarli un pochino mentre guardano la partita o sorseggiano l’aperitivo, è la cifra mostruosa del debito pubblico, indicata dall'Eurostat in 2.171,671 miliardi di euro (il 132,7% del Pil).

Pubblicato inNazionale / Estera
L'Italia è fallita, solo i partiti non se ne accorgono

L'Italia è in default: constatarlo non riguarda l’appartenenza alla sinistra, alla destra o al centro.

Pubblicato inNazionale / Estera
Italia-UE, una crisi dentro una crisi più grande

Le guerre che circondano l’Europa alimentano una parte importante del flusso migratorio, e ora quel flusso si abbatte sui contrasti interni dell’Unione europea, disunita e fiaccata da troppi anni di austerity.

Pubblicato inNazionale / Estera
Tra dieci anni l'Italia non esisterà più, totalmente distrutta dall'euro e dalla UE

Così Roberto Orsi, professore italiano emigrato a Londra per lavorare presso la London School of Economics, prevede il prossimo futuro del Belpaese.

Pubblicato inNazionale / Estera
%PM, %29 %672 %2015 %16:%Nov

La politica della mancia renziana

La politica della mancia renziana

La sensazione è che fra non molto gli italiani passeranno dall’intorpidimento di un sogno all’angoscia di un incubo.

Nel Paese c'è ancora un'inspiegabile, ma incrollabile voglia di dare fiducia all'attuale presidente del Consiglio: forse per mancanza di alternative, forse perchè dopo quasi dieci anni di crisi nera si spera che qualcosa possa cambiare, almeno qualcosa. Peccato però che buona parte di questa fiducia venga puntualmente e letteralmente comprata dal premier fiorentino con l'abominevole idea della mancia, più o meno generosa a seconda dei punti percentuali che vuole recuperare nell'imminenza delle elezioni.

Pubblicato inNazionale / Estera
Il nuovo Senato di Renzi abroga il diritto di voto

Se le istituzioni europee nel loro attuale assetto rappresentano un pallido simulacro di democrazia, l'Italia è riuscita a creare qualcosa di peggiore: le modifiche costituzionali, che sono contenute nel cosiddetto DDL Boschi e che disegnano il nuovo Senato appena varato dal governo Renzi, sono la pietra tombale per la sovranità popolare in Italia.

Pubblicato inNazionale / Estera
Perché c’è fretta di mandare i nostri Tornado contro l’ISIS

’Occidente adesso teme che l’invincibile Califfato si sciolga come neve al sole. Almeno è ciò che rivela un titolo del britannico Express: “L’ISIS è così indebolito dagli attacchi aerei russi e dalle diserzioni che può essere distrutto nel giro di ore”.

Pubblicato inNazionale / Estera
Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Abbasso i re e gli imperatori
    Scritto da
    Le democrazie del mondo che conta o che pensa di essere tale, sono rette da re ad eccezione di una che ha un imperatore: gli USA. Tuttavia quest’imperatore posto sullo scranno non dai cittadini, ma da grandi elettori al servizio di grandi feudatari, ha una caratteristica peculiare: non conta nulla e come lui, oggi, grazie alla UE anche i re-ggenti degli stati componenti il club del G7.
    Leggi tutto...

Redattore

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto