Contenuto Principale
Wall Street is War Street, il Governo Ombra degli USA

DI ROSANNA SPADINI

Alla fine degli anni ’80 il disegno imperialista della triade USA, Vaticano e Israele, contribuì fortemente alla demolizione dell’URSS, non tanto per esportare la “libertà” come andavano blaterando, ma per catturare nuovi territori di conquista per gli oligarchi. Sotto l’ombrello del “neoliberismo armato” che abbiamo conosciuto bene, così come avevano fatto con Pinochet in Cile o Videla in Argentina e in tutta l’America Latina. Caduto quindi l’URSS, l’imperialismo americano si è scatenato prima contro la ex Jugoslavia, e poi contro l’Albania, il Medio Oriente (Iraq, Afganistan, Libia) per affermare così il proprio piano criminale.

Pubblicato inNazionale / Estera
La Russia sta preparando enormi rifugi di fronte alla possibilità di una guerra termo nucleare con gli USA

In Russia si stanno realizzando enormi bunkers antinucleari a Mosca, capaci di ospitare fino a 12 milioni di persone, mentre Putin si prepara ad una possibile guerra nucleare con gli USA.
I giganteschi rifugi, la cui costruzione è stata rivelata il venerdì dai funzionari russi, sono una risposta alla recente escalation di tensioni ed accuse tra Mosca e Washington per causa del conflitto in Siria, come ha riferito oggi il giornale britannico Express.

Pubblicato inNazionale / Estera
L’eroica lotta della Siria contro l’imperialismo di USA e Occidente

di Andre Vltchek

Risulta difficile immaginare una nazione più resistente, più eroica della Siria!
Con solo 17 milioni di abitanti (secondo stime del 2014), la Siria si trova ad affrontare adesso la coalizione pù possente della terra – una coalizione che consiste in quasi tutte le potenze occidentali colonialiste e neocolonialiste.
Si trova anche ad affrontare alcune delle macchinazioni più crudeli e letali dell’Occidente – gli estremisti ed i gruppi pseudo islamici,  simili a quelli che già furono a suo tempo scatenati contro l’Unione Sovietica durante la guerra in Afghanistan.

Pubblicato inNazionale / Estera
Israele ha effettivamente colonizzato gli Stati Uniti?

Normalmente pensiamo ai colonizzatori come a grandi paesi, e ai colonizzati come nazioni più piccole e più deboli. Ma non è sempre così. La colonizzazione non necessita dell’occupazione. Serve semplicemente l’assoggettamento del colonizzato. Con ambizione, informazioni e pianificazioni migliori, e la giusta mentalità, nazioni più piccole possono (e in passato hanno potuto) colonizzare e dominare paesi più grandi e sulla carta più potenti.

Pubblicato inNazionale / Estera
I trattati commerciali sospinti dagli USA rischiano il Flop

IL TPP E IL TTIP RISCHIANO DI FALLIRE?

Leonid Savin

Martedì 20 settembre 2016 Bruxelles ha ospitato una vasta manifestazione di protesta contro la firma del Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti (noto con la sigla inglese “TTIP” – Transatlantic Partnership for Trade and Investment). Poco prima numerose manifestazioni di massa avevano avuto luogo in diverse città tedesche.

Pubblicato inNazionale / Estera
%AM, %27 %465 %2015 %11:%Dic

L’oro degli italiani

L’oro degli italiani

Nulla meglio di questo articolo di Ida Magli, può descrivere nell’assordante silenzio dei media, l’abile espropriazione attuata mediante il decreto legge 133 del 23 dicembre appena trascorso. Buon panettone a tutti.

Pubblicato inNazionale / Estera
%PM, %08 %582 %2015 %13:%Dic

La realtà dei fatti

La realtà dei fatti

Le vendite di armamenti da parte della Russia hanno raddoppiato quelle degli USA. Le innovazioni tecnologiche e militari sfornate dalla ricerca russa fanno impallidire quelle a stelle e strisce.

Pubblicato inNazionale / Estera
%PM, %12 %557 %2015 %14:%Ott

La nuova aristocrazia

La nuova aristocrazia

Nel consueto silenzio generale della nostra stampa, riservato alle notizie che infondono cambiamenti indesiderati nella quotidianità, sta per essere sottoscritto tra USA e UE, il trattato TTIP.

Pubblicato inNazionale / Estera
Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Wikipedia è libera?
    Scritto da
    Wikipedia è il primo risultato che oggi Google offre, su ogni argomento dello scibile umano. Indubitabile la sua importanza, specie quando emerge che nelle redazioni di molti giornali quando serve scrivere una nota biografica in morte di qualche personaggio famoso, la prima fonte utilizzata sia proprio Wikipedia e lo stesso avvenga in molte segreterie di primarie società, quando abbisogna arricchire con un riferimento storico una lettera importante. Neppure gli studenti, anche i più volonterosi, disdegnano il ricorso a Wikipedia, in luogo della Treccani, sempre più relegata a fare bella mostra negli scaffali del salotto che ad essere utilizzata per la…
    Leggi tutto...

Redattore

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto