Contenuto Principale
%PM, %20 %789 %2014

Intervista all’avv. ClaudioTasin, segretario del PSI di Pergine Valsugana: A Pergine serve “l’uomo giusto”, che sappia catalizzare il consenso della gente.

Postato da  

Avvocato Tasin, in una sua recente esternazione a stampa, ha auspicato che i segretari di PD, UPT, PATT perginesi, si attivino per individuare il candidato sindaco della coalizione per le prossime elezioni comunali di Pergine. A suo dire servirebbe una persona esperta, da contrapporre all’immobilismo ed all’inesperienza dell’attuale Amministrazione. Ora, su questa linea è intervenuto anche un accordo di massima a livello di segreterie provinciali di questi partiti, ma resta il fatto che, per quanto traspare dalle dichiarazioni sia di Morelli che di Taffara, non ci sia una persona adatta da proporre come sindaco.

Pensa che la soluzione sarà trovata con una candidatura “super partes”, magari non tesserata o, forse, appartenente ad uno dei partiti minori aggregati alla coalizione, quali PSI e Verdi?

Rispondendo alla parte finale della domanda direi: perché no?

L’esperienza degli ultimi 10 anni ci ha fatto capire che a Pergine non serve il politico, ma colui che sa incontrare il consenso della gente.

 

Nella mia dichiarazione volevo insistere sulla professionalità dell’uomo che dovrebbe essere individuato per il ruolo di sindaco. Non si tratta d’essere a capo di un ufficio ma di saper dare la giusta traccia all’Amministrazione comunale. Serve l’uomo giusto, la persona che oggi la gente chiede d’individuare non nel politico di  professione, ma che sia il “professionista” con la capacità di proporre e attuare nuove iniziative e progetti in un periodo di scarse risorse economiche. Lunedi p.v. (22 c.m.) ci incontreremo a livello di membri della coalizione di centro sinistra autonomista, per individuare il metodo per la scelta della persona idonea alla candidatura a sindaco.

Abbiamo avuto due esperienze a Pergine: una dopo l’Amministrazione Anderle e l’altra l’anno scorso. Le scelte operate hanno dimostrato che “la bandiera” ha preceduto per importanza la scelta sulla persona. Scottati da queste esperienze ed in particolare dall’ultima, penso che tutti oggi ne abbiano tratto un valido sostegno.

Però non tutto il mal vien per nuocere. Noi del PSI (che ha 142 anni di vita), abbiamo governato a Pergine per 40 anni, costruendo qualcosa che oggi la comunità può toccare con mano. E’ importante la scelta di metodo, che però presupponga dall’esperienza vissuta, priva di preconcetti di bandiera. Se ciò avverrà potremo trovare la persona giusta. Dobbiamo superare lo scalino costituito dall’indicare i soliti nomi noti.

Va individuata una persona esperta, non di politica e nemmeno un ventenne, trentenne o quarantenne. Il sindaco dev’essere una figura di contatto costante con la PAT, con la quale confrontarsi sulle varie questioni locali di primaria necessità, per la città e per il territorio, capace di essere ascoltato in quell’ambito.

Dovrà anche disporre di una capacità “imprenditoriale”, che travalica quella di gestire il comune, che è una macchina che lavora da sola.

 

Qual è il suo candidato?

Noi abbiamo qualche nome , che possiamo anche valutare nell’ambito femminile, senza alcun preconcetto, anch’io vorrei farlo, ma esso deve scaturire da una condivisione delle varie forze politiche, essendo la figura che sappia coagulare l’interesse della cittadinanza.

L’attuale sindaco non è scaturito dalla condivisione generale, ma da un meccanismo aritmetico.

 

La popolazione si è però dimostrata stanca delle solite prassi.

Si, perché non si è riusciti a fare sintesi attorno ad un progetto. Pergine ha la possibilità di avere una persona che senta il desiderio di attuare iniziative per una città in via di crescita.

 

L’attuale Amministrazione, che Lei taccia d’immobilismo, si è ritrovata a gestire, in un periodo di scarse risorse economiche e difficoltà per imprese e famiglie, investimenti e problemi avviati dalla precedente lunga gestione UPT, PD, PATT, che, seppure corroborata da un solido rapporto con la PAT, non aveva saputo o voluto affrontare questioni urgenti per la cittadinanza ed evidenti anche nel loro impatto ambientale (vedi problema asili, soffitte fantasma, ecc.). Il successo riscosso dalle civiche alle ultime elezioni e l’assenteismo elettorale record, sono derivati proprio dalla stanchezza dei perginesi, verso una gestione spiccatamente clientelare del municipio, che si esprimeva anche nelle società partecipate. Cos’altro avrebbe dovuto o potuto fare in questo ristretto lasso di tempo l’attuale Amministrazione, per dimostrare efficienza ed esperienza?

Pergine non è un piccolo centro, gestibile come un piccolo club di amici, ma necessita di un pensiero che sappia attivare nuove forme di investimento. Non è possibile improvvisare. La sorpresa per il risultato elettorale ha portato alla situazione attuale. Per questa ragione dico che serve la persona giusta. Non è più possibile “mungere dalla mamma provincia”. Pergine ha acquisito l’appellativo di “città”, ma sinora è vissuta all’ombra di Trento, senza valorizzare la sua potenzialità turistica.

 

Rispetto alla scenario di coalizione politica per le prossime comunali, in antitesi alla Sua visione, si vocifera, insistentemente, riguardo alla convergenza del PATT rispetto alla candidatura di Roberto Oss Emer, tentando di creare una sorta di grosse koalition, tra PATT, UPT, PD e civiche. Nell’eventualità accadesse Verdi e socialisti, rimarrebbero fuori dal Consiglio Comunale, come si proporrebbe il PSI nella campagna elettorale?

Esiste questa chiacchiera già da molto tempo, ma è e resta voce di corridoio. Si sa però che “l’aria di fessura porta alla sepoltura”. Sarebbe infatti un fallimento non solo per Pergine ma per la politica provinciale se ciò avvenisse.

Non posso pensare che il PATT abbia pensato ad una situazione di comodo, senza valutarne le conseguenze. Nel caso in cui accadesse i socialisti non potrebbero vivere dell’esperienza passata, a noi sta a cuore l’obiettivo, non la bandiera.

 

Nell’incontro di lunedi p.v. pensa che le sue proposte troveranno buon accoglimento?

Se partiamo senza preconcetti e con lo spirito di trovare un obiettivo condiviso, privo di eccessivi distinguo nel metodo, potremo riuscirci. Non credo nelle primarie. Ho partecipato a quelle di Renzi e, nonostante la nostra vicinanza al PD a livello nazionale, nutro forti critiche rispetto a questo metodo.

 

Lei crede che la coalizione di centro sinistra riuscirà a risolvere le beghe interne?

Penso di sì, trovando l’uomo giusto in grado di trovare le soluzioni positive per il bene della comunità e la valorizzazione del territorio.

 

 

 

Cinzia Albertini

2 commenti

  • Link al commento Claudio %PM, %12 %619 %2015 %14:%Feb inviato da Claudio

    Beata monoculi in terra caecorum...

  • Link al commento PerzenNEW %PM, %22 %503 %2014 %13:%Set inviato da PerzenNEW

    adesso che FINALMENTE ci siamo liberati di certa gentaglia (la solita!!) vogliono ancora tornare a far danni ????
    ....anche chi vorrebbe farlo?...
    stiamo così bene adesso !!!
    da oltre 50 anni i personaggi che mangiavano in Comune erano SEMPRE quelli!!!
    o con un incarico o con un altro SEMPRE QUELLI !!!
    BASTAAAAAAAAAA!!!!!!!

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Viva la liberazione!
    Scritto da
    25 aprile. Data che si ricorda e festeggia, quest’anno per la settantesima volta, come un giorno di pace. Uno spartiacque tra l’orrore di un lungo conflitto totale, che aveva coinvolto il mondo per 5 anni e il sereno incedere della vita lunga e prosperosa che tutti si augurano. Da domani, trascorsi i settant’anni imposti da un’apposita legge del nostro Paese, saranno finalmente disponibili per la consultazione, i documenti sin qui secretati con cura e spesso speciose giustificazioni, che potrebbero fornire una lettura diversa dei fatti della politica italiana e mondiale di quei crudeli anni. Eventi, che hanno fortemente condizionato i…
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 88 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto