Contenuto Principale
%PM, %11 %849 %2015

Assemblea Viarago 10/02/2015

Postato da  
Assemblea Viarago 10/02/2015Assemblea Viarago 10/02/2015

Ieri alle ore 20.30 alla casa sociale di Viarago è stato presentato alla popolazione della frazione, il nuovo volto candidato sindaco della coalizione di centro sinistra. E’ stata sottolineata l’importanza di essere riusciti a riunire i partiti che nella scorsa tornata elettorale avevano corso da soli.

Difronte ad una platea molto numerosa, Tomaselli si è definito un giovane con la voglia di mettersi in gioco in prima persona al contrario di molti coetanei che si limitano a guardare e lamentarsi. L’incontro a detta dello stesso candidato non aveva uno scopo meramente politico, ma voleva essere una serata di presentazione in cui raccogliere le istanze della gente così da poter delineare un programma definitivo che li coinvolgesse e che fosse in linea con i principi base della coalizione: vicinanza alla popolazione, criterio della trasparenza, concretezza, tutela del lavoro, favorire l'occupazione, tutela dell’ambiente e del territorio.

La parola è quindi stata lasciata quasi subito alle persone presenti in sala, affinché facessero le loro osservazioni. Nel primo intervento si evidenzia il mancato equilibrio tra la cessazione di aziende (es. ospedale psichiatrico) e aperture di nuove attività.

Il candidato sindaco ha risposto che un punto del loro programma sarà sicuramente potenziare “Villa Rosa” per creare occupazione cercando la collaborazione con l’amministrazione provinciale e risorse anche a livello più alto (contributi europei).

Con il secondo intervento si è lamentata la mancanza del settore industriale che non può non essere presente nel comune di Pergine, terza città del Trentino.

E’ stata però sottolineata la volontà di avere un’industria compatibile col territorio:

le parole chiave di questo progetto devono essere logistica (collegamento tra Veneto e Trentino) e persone formate (operai specializzati), è stata infatti lamentata la mancanza di un polo di alta formazione professionale.

E’ stata quindi chiesta l’identificazione di zone raggruppate, specificatamente destinate all’industria, all’artigianato, portandole fuori dalla città senza impattare zone agricole e danneggiare il turismo.

Per sviluppare nuove attività è stato suggerito di incentivare la piccola e media impresa dando contributi e agevolazioni fiscali comunali.

Marina Taffara è intervenuta per sottolineare l’importanza di “costruire filiere” per creare nuovo lavoro. La coalizione non vuole creare grande industria, non sarebbe vincente, vuole creare occasioni, con alta tecnologia, profili elevati, sostenendo un forte collegamento con la scuola.

Altre questioni sollevate sono state la necessità di manutentare le strade di Viarago e ripristinare la viabilità della strada delle “volpare”.

Tema caldo della serata è infine stato lo spostamento dell’elettrodotto.

Marta Scalfo è intervenuta affermando che “sarà uno scempio paesaggistico”. A suo dire è necessario l’interramento benché sia più costoso, ma bisogna intervenire subito in quanto i lavori non sono ancora iniziati. All’uopo è stato pertanto creato un comitato, del quale è stato letto lo statuto.

Benché sia stato chiarito che non è interesse in questo momento di definire responsabilità sulla vicenda, Morelli Marco è intervenuto illustrando l'iter che ha portato alla situazione attuale. All’epoca c’erano normative diverse quindi era possibile costruire case sotto quei cavi, ma ora le norme sono cambiate e il campo elettro magnetico supera i limiti di legge e l’elettrodotto deve essere sistemato.

Nel 2009, dall’allora consiglio comunale era stato definito un protocollo con Terna per togliere l'elettrodotto da Pergine studiandone un percorso alternativo. Le possibilità erano tre:

la Marzola, interrare in Pergine e il tunnel su Viarago (l'unica sostenibile dal comune). Nel protocollo si stabiliva di determinare un tunnel possibile, ma non si definivano le modalità (se aereo o interrato o..) che sono specifiche del progetto e quindi ci sarebbe ancora tempo per intervenire.

L’opposizione ha presentato in questi giorni alcune osservazioni, per segnalare la necessità di tutela del paesaggio sulla zona di Viarago, al fine di richiedere l’interramento dell’elettrodotto.

A questo punto è intervenuta nuovamente la consigliera Marina Taffara, specificando che ci sono snodi decisionali dai quali non si può prescindere. Nella seduta comunale di dicembre sono stati informati della situazione ed hanno dovuto fare una scelta. Nonostante la loro richiesta di verifica l'amministrazione attuale ha votato contro. La coalizione aveva chiesto una riunione urgente per sospendere il progetto, richiesta che questa amministrazione ha bocciato.

Un partecipante ha quindi insinuato la mancanza di trasparenza dell'attuale Giunta. Pronto l’intervento di Morelli che ha difeso l’Amministrazione Comunale, sostenendo che nulla è stato fatto di nascosto, benché in passato siano stati commessi errori e non sia stata fatta una buona gestione del problema.

Stefano Tomaselli, concludendo è intervenuto sottolineando come nel loro programma sarà centrale la trasparenza e pertanto sentiranno il parere della gente prima di prendere decisioni importanti.

La serata si è conclusa dandosi appuntamento ad un successivo incontro più prossimo alle elezioni.

  

Nico Reali

Nico Reali

nato a Vizzolo Predabissi il 13/12/1975

residente a Viarago di Pergine Valsugana

 

Sono un docente di informatica ed esaminatore ECDL core / advanced / Web editing e Image editing

 

Sono appassionato di Sport , ho praticato a livello agonistico l'arte marziale del "judo", attualmente mi sono dedicato a due sport / attività ludico sportiva:

 

1) la subacquea ho un brevetto ricreativo ed uno tecnico

2) Il softair

 

Sono vicepresidente di un Associazione Sportiva Dilettantistica di Softair e sono referente per il Trentino Alto Adige del circuito di Milsim AWB

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Il non-governo dell'Italia
    Scritto da
    Il potere è anarchico, fa quello che vuole, diceva Pier Paolo Pasolini. Il nostro ormai neppure quello, fa solo casino. Scene da Montecitorio in ordine sparso: un deputato-questore (la dizione è già oltre il ridicolo) morde la mano di una grillina; un certo Segoni si indica platealmente il pube mentre interviene in Aula; un altro pentastellato entra in commissione con il casco e insulta le colleghe del Pd dicendo che sono in Parlamento solo perché sanno fare i p...; insulti vari, cori da stadio, spintoni e botte da orbi con i commessi in livrea che non sanno che pesci prendere;…
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 137 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto