Contenuto Principale
%PM, %25 %764 %2015

Assemblea a Susà

Postato da  
Assemblea a Susà

Sul quotidiano L’Adige di venerdì leggiamo di un incontro pubblico presso la sede del gruppo degli Alpini di Susà nella quale “l’assessore provinciale Mauro Gilmozzi illustrerà la permuta che ha portato nel patrimonio della Provincia Autonoma di Trento il complesso ex Artigianelli”.

La sala è gremita. Molti presenti attendono di sapere quale sarà il futuro di quell’edificio che dagli anni 60 ha avuto diverse funzioni e ha caratterizzato il paese.

Inaugurato nel 1964 fu adibito per parecchi anni a seminario minore per l'Istituto dei Figli di Maria per poi ospitare temporaneamente utenti di sevizi pubblici in attesa di sistemazioni definitive (scuola, casa di riposo, servizi pubblici, etc.)

Oggi l’edificio, passato alla Provincia Autonoma di Trento, è abbandonato a se stesso. Ignoti si sono introdotti nella struttura, hanno smontato tutte le grondaie compromettendo la tenuta del tetto; hanno rotto i vetri, tolti i cavi elettrici in rame e le pompe del riscaldamento.

La riqualificazione dell’edificio è divenuta questione urgente e la popolazione di Susà, sprovvista tra l’altro di luoghi da destinare alle numerosi associazioni di volontari presenti in paese, è ben conscia che dalla futura riqualificazione dell’area dipenderà il futuro del paese.

Chi ha partecipato all’assemblea non ne è uscito però con qualche certezza.

Presenta la serata il candidato sindaco Stefano Tommaselli, avvocato di diritto civile e del lavoro, che ha deciso di scendere in politica per senso civico e per ridare “appeal” al clima politico. La coalizione di centro sinistra che guida si è riunita per redigere un programma con unione di intenti ed uno spirito nuovo: “Non vogliamo rimanere un gruppo chiuso, ma gireremo le fazioni per raccogliere le istanze che la gente vuole rivolgere. Rappresentiamo un partito giovane e siamo qui per chiedere la vostra fiducia”.

Ma dell’immobile di Susà?

Ce lo spiega l’assessore Gilmozzi che partecipa in qualità di assessore, “sopra le parti, indipendentemente dall’appartenenza politica e tenendo conto del bene della gente”.

L’immobile è stato acquisito dalla Provincia Autonoma di Trento tramite una permuta che si protraeva da alcuni anni. Le trattative si sono scontrate con la crisi economica che ha squilibrato i valori degli immobili in gioco. Fatto sta che la permuta è stata fatta e la futura amministrazione di Pergine dovrà definirne le possibili destinazioni d’uso mettendo mano all’attuale PRG. L’immobile, sebbene di “soli” settant’anni, non si presta ad alcuna funzione. Lo stesso andrà quindi demolito e chi acquisirà i diritti di costruzione sull’area dovrà spenderci milioni di euro. La Provincia Autonoma di Trento provvederà quindi alla sua demolizione (anche se non ancora programmata) con un costo stimato in 250.000€.

Il futuro dell’area dovrà essere, comunque, una scelta politica che non è costituita solo da amministratori (costituire fognature, marciapiedi, etc.) ma anche persone in grado di avere visione del futuro.

Gli interventi del pubblico confermano quanto relazionato. Il Fiduciario di Susà ribadisce che l’immobile è inutilizzabile e brutto. Ben venga quindi la demolizione ed auspica che la popolazione di Susà sia tenuta al corrente delle decisioni che si prenderanno.

Altri ipotizzano la realizzazione di un teatro ed idonee strutture atte ad ospitare le associazioni presenti in paese in grado, magari, di partecipare alla gestione della struttura.

Esco dall’assemblea con una certezza: siamo in campagna elettorale.

 

Michele Fedel

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Il Giardino dei Finzi-Contini
    Scritto da
    Titolo: Il Giardino dei Finzi-Contini Autore: Giorgio Bassani Editore: Feltrinelli “Il giardino dei Finzi-Contini" rientra nel filone dei romanzi della memoria. L'autore racconta vicende e personaggi della sua vita, collocandoli sullo sfondo dei grandi eventi storici del periodo della seconda guerra mondiale. Il romanzo è interamente ambientato nella cittadina di Ferrara, con le sue strade larghe e silenziose, con la sottile malinconia di un'esistenza sospesa, con la dolce monotonia di una piccola provincia. Nonostante il tema portante del romanzo sia la guerra, al suo interno c'è anche una storia d'amore. Un amore ardente, vero, coltivato durante le lunghe passeggiate nel…
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 161 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto