Contenuto Principale
%PM, %05 %664 %2015

28 maggio 2015: cronache dal primo consiglio comunale della giunta Oss Emer.

Postato da  
28 maggio 2015: cronache dal primo consiglio comunale della giunta Oss Emer.

Il 28 maggio scorso ha avviato la propria attività il nuovo Consiglio Comunale. Ora il sindaco Oss Emer, dopo aver superato “il periodo di prova” di un anno e mezzo, scaturito dalle forzate dimissioni di Corradi, potrà pianificare il rilancio e lo sviluppo del perginese.

Dopo le delucidazioni di carattere normativo per le operazioni di voto, “il consigliere anziano” Daniela Casagrande augura a tutti i neo consiglieri buon lavoro ed invita i cittadini ad una partecipazione assidua ai lavori della politica cittadina.

Lo stesso invito è rinnovato dal sindaco nel corso del suo intervento dopo il giuramento dei neoeletti e l’elencazione degli assessori. Daniela Casagrande, sarà vicesindaco e assessore alle politiche sociali, giovanili e sanità; Franco Demozzi, allo sport turismo ed energia pulita; Sergio Paoli, all'industria, artigianato ed economia; Massimo Negriolli, si occuperà di urbanistica ed edilizia privata; Elisa Bortolamedi, assessore alla cultura e all'istruzione. Si tratta dell’assessore/a, scaturita dal voto della “lista giovani”, quella che Roberto Oss Emer ha voluto e che ha riportato la politica, con il suo impegno civile, tra i giovani perginesi.

Manca il nome del sesto assessore, che si occuperà di verde, parchi, giardini ed agricoltura. La successiva votazione segreta porta alla nomina di Renato Nisco a Presidente del Consiglio e Roberto Valcanover quale vicepresidente.

I lavori proseguono con prassi celere sino all’arrivo, peraltro in ritardo, della consigliera Marina Taffara, la quale chiede di eliminare il termine “automaticamente” da un dispositivo normativo approvato dalla consiliatura uscente. Dopo oltre tre quarti d’ora investiti per le necessarie dissertazioni di ordine filologico e le procedure di voto, la richiesta di modifica è respinta e le attività previste dalla scaletta proseguono sino all’ottavo punto in discussione, concernente l’allargamento del gruppo degli assessori.

Il consigliere Tomaselli, candidato sindaco per il centro sinistra, pone la questione dell’aggravio degli oneri economici per il bilancio comunale, derivante dal progettato ampliamento degli assessori. Non si tratta solo degli emolumenti ad esso spettanti, ma anche degli oneri derivanti dai rimborsi spese.

Il sindaco, precisa che la contribuzione per il nuovo assessore sarà ricavata dalla contrazione, in quota parte, degli assegni spettanti agli altri assessori. Inoltre, già dalla scorsa consiliatura, tutti gli assessori hanno adottato la prassi di non chiedere rimborsi spese, né per carburanti, né per pasti. Il sesto assessore, permetterà di offrire un maggiore servizio alla collettività, consentendo una maggiore disponibilità di rapporto con i cittadini e attenzione alle tematiche afferenti al settore a ciascuno affidato. 

Il consiglio esaurisce l’ordine del giorno con l’elezione dei membri della commissione elettorale, ai quali sono chiamati: Francesco Franceschi, Betty Morgan e Renato Tessadri,  mentre alla vicepresidenza sono nominati Daniele Di Gregorio, Marco Casagrande, Stefano Sartori.

Non resta che augurare anche da parte nostra buon lavoro agli eletti e attendere celeri risposte alle necessità più urgenti di questa dinamica comunità trentina, per troppo tempo assillata da inutili diatribe partitiche.

 

Michele Decarli

Lascia un commento

La redazione si riserva la facoltà d i pubblicare o meno i commenti inviati

Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • Rallegriamoci
    Scritto da
    Settembre 1938, a Monaco il 29 e 30 si riuniscono i capi di stato delle nazioni europee che contano: Gran Bretagna, Francia, Germania e Italia. L’argomento da discutere è la crisi dei Sudeti: 25.000 Kmq. di territorio all’interno della Cecoslovacchia, che la Germania reclama come proprio, perché abitato da tedeschi. L’invasione tedesca è scongiurata dalla diplomazia: un grande successo per la mediazione italiana e per il capo del governo inglese Chamberlain, che ritorna in patria sventolando, davanti alla folla che lo acclama, il testo dell’accordo.
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 87 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto