Contenuto Principale
%AM, %18 %320 %2016 %08:%Lug

Brexit Post

Brexit Post

Da oltre tre settimane i media si affannano a disegnare scenari foschi per il nostro futuro a seguito l’uscita della GB dalle UE, ma a parte l’attuazione della strategia della tensione su scala internazionale, vedi attentato di Nizza e mancato golpe in Turchia, nulla di particolare è accaduto nell’ambito economico.

Pubblicato inNazionale / Estera
Brexit wars: l’Impero colpisce ancora…

Una decisione storica per il mondo intero.
Le fondamenta della gigantesca piramide del potere stanno scricchiolando…

Pubblicato inNazionale / Estera
ZEROHEDGE – LA VERA CATASTROFE DEL BREXIT: LE 400 PERSONE PIÙ RICCHE DEL MONDO PERDONO 127 MILIARDI DI DOLLARI

Per lo scorno di tutti gli scettici, ZeroHedge conferma che il paventato disastro innescato dal Brexit si è effettivamente verificato: il crollo del mercato azionario successivo al referendum ha creato un buco di 127 miliardi di dollari nei patrimoni degli uomini più ricchi del pianeta, limandoli del 3,2%. George Soros l’aveva detto ai britannici: “state attenti, il Brexit vi renderà più poveri”. Non aveva precisato che si riferiva a se stesso e ai suoi colleghi miliardari, ma pare che i britannici l’abbiano comunque capito, votando di conseguenza.

Pubblicato inNazionale / Estera
%PM, %25 %463 %2016 %12:%Giu

Brexit Day

Brexit Day

Il referendum per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea ha avuto successo e la preoccupazione delle grandi banche d’affari, dei governanti mondiali, Obama in testa, che rappresentano non i loro popoli, ma l’interesse dei mangia denaro, era stata esternata ancor prima dell’inizio del voto.

La GB che non ha mai avuto l’euro, che dalla UE ha avuto solo benefici economici per l’agricoltura, l’industria, per gli scambi commerciali, per l’intermediazione finanziaria e ben altro ancora, ha deciso di andarsene.

Pubblicato inNazionale / Estera
LA REGINA HA PARLATO, LA BREXIT VINCERA’!

A due giorni dal referendum la Regina ha parlato. Secondo il suo biografo Robert Lacey, nel corso di una cena Elisabetta II avrebbe posto questa domanda ai suoi commensali: “Datemi tre buone ragioni per cui la Gran Bretagna dovrebbe essere parte dell’Europa”.

Pubblicato inNazionale / Estera
Ricerca / Colonna destra

Notizie Random

  • L’epidemia di Ebola come segno di crisi del modello di civiltà
    Scritto da
    A quanto pare, la civiltà occidentale sta affrontando una nuova sfida. Il virus Ebola minaccia di diffondersi in Europa e Nord America, mettendo in crisi il modus vivendi da "miliardo d'oro". Entro la fine di ottobre il virus Ebola, con una probabilità del 75%, potrebbe arrivare in Francia, con una probabilità del 50% nel Regno Unito. Questo è stato segnalato da un gruppo di specialisti della Northeastern University di Boston, guidato dal professor Alex Vespinyani che ha tentato di modellare la diffusione dell'epidemia da febbre emorragica Ebola in Africa occidentale ed il suo propagarsi fuori dal continente.
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 226 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto