Contenuto Principale
Putin al centro della politica internazionale

Durante l’inizio settimana, Putin è stato al centro della politica internazionale con un giro d’incontri che dimostrano l’acquisita centralità del Cremlino sui più scottanti dossier internazionali, con buona pace di quanti sostengono la ghettizzazione di Mosca; un peso politico che Putin intende sfruttare – come dargli torto – ad esclusivo beneficio del suo Paese.

Pubblicato inNazionale / Estera
Le forze russe utilizzano i missili Onix, di impatto strategico , in Siria contro obiettivi dei terroristi per dare un segnale agli USA

di Dr. Lajos Szaszdi Leon-Borja

E’ stato riportato da fonti militari che la flotta russa del Mediterraneo, nelle scorse settimane, ha neutralizzato obiettivi dei terroristi in Siria mediante i missili da crociera di attacco a terra Kalibr 3- m14, e SS-N-30, secondo la classificazione NATO, che sono stati lanciati sia dalla portaerei Almirante Kuznetsovde, sia dalla fregata Almirante Grigorovich, che stazionano entrambe davanti alle coste della Siria.

Pubblicato inNazionale / Estera
L'esitazione della Russia in Siria è stata un errore strategico?

DI PAUL CRAIG ROBERTS

counterpunch.org

Un mese fa ho scritto un articolo “Chi esita è perso – e la Russia ha esitato”. Le conseguenze sono visibili ora:

  • Un report dell’ONU orchestrato da Washington ha accusato Russia e Siria di crimini di guerra ad Aleppo. Secondo il report “attacchi aerei indiscriminati da parte delle forze governative e dei loro alleati [la Russia] sulla parte orientale della città sono responsabili della maggior parte delle vittime civili. Ciò costituisce un crimine di guerra. In caso venga perpetrato volontariamente, come parte di uno schema diffuso o sistematico di attacco ai civili, si tratta di un crimine contro l’umanità”.
Pubblicato inNazionale / Estera
La Russia confina con la Siria

La battaglia per Aleppo infuria più che mai e lo scontro tra gli Stati Uniti e la Russia ha raggiunto un livello di pericolosità che è superiore a quello della crisi di Cuba.

Pubblicato inNazionale / Estera
L’eroica lotta della Siria contro l’imperialismo di USA e Occidente

di Andre Vltchek

Risulta difficile immaginare una nazione più resistente, più eroica della Siria!
Con solo 17 milioni di abitanti (secondo stime del 2014), la Siria si trova ad affrontare adesso la coalizione pù possente della terra – una coalizione che consiste in quasi tutte le potenze occidentali colonialiste e neocolonialiste.
Si trova anche ad affrontare alcune delle macchinazioni più crudeli e letali dell’Occidente – gli estremisti ed i gruppi pseudo islamici,  simili a quelli che già furono a suo tempo scatenati contro l’Unione Sovietica durante la guerra in Afghanistan.

Pubblicato inNazionale / Estera
Putin pronto alla terza guerra mondiale se l'Arabia Saudita invade la Siria

Putin non ci sta. La guerra in Siria potrebbe presto degenerare nella terza guerra mondiale. Le grandi potenze, questa volta, stanno seriamente scaldando i motori: l’Arabia Saudita e i suoi alleati stanno per invadere la Siria. Scatenando un conflitto di portata inimmaginabile

Pubblicato inNazionale / Estera
L’inconfessabile progetto di uno pseudo-Kurdistan

Parigi e Londra moltiplicano le dichiarazioni enfatiche contro Daesh, la sua pulizia etnica e i suoi attentati. Eppure preparano dietro le quinte la pulizia etnica del nord della Siria, al fine di creare uno pseudo-Kurdistan e ricollocare Daesh ad al-Anbar, per crearvi un Sunnistan. Thierry Meyssan analizza questo piano e mette in luce le numerose contraddizioni del discorso ufficiale.

Pubblicato inNazionale / Estera
Dom 06 Dicembre 2015

I dementi

Malle Babbe, la strega di Haarlem

Mentre la stampa e la TV proseguono imperterrite a raccontare incredibili fandonie sui fatti di Parigi, la politica internazionale persegue fini totalmente opposti  a quelli continuamente annunciati dagli innumerevoli notiziari radiofonici e televisivi.

Pubblicato inNazionale / Estera
Ricerca / Colonna destra

frase ok

Notizie Random

  • Faremo la fine della Grecia?
    Scritto da
    Da quando “Il debito pubblico” ha iniziato a riempire le prime pagine dei quotidiani, per dare sostegno ai provvedimenti fiscali d’emergenza intrapresi dagli ultimi salvifici governi “tecnici”, un’affermazione ha iniziato a circolare con frequenza tra le persone: “… se non accettiamo queste imposizioni, faremo la fine della Grecia” . Ora la Grecia ha finalmente votato un governo, che sembra essere scaturito dall’effettiva volontà popolare e non da fagocitazioni di affabulatori, posti alla ribalta da ben orchestrate propagande di marketing.
    Leggi tutto...

Redattore

Utenti online

Abbiamo 411 visitatori e nessun utente online

Video

Il punto di Giulietto Chiesa: Vaccini: decisione da rivedere. Le proteste sono giustificate

Di fronte Ddl Lorenzin sui vaccini è naturale chiedersi "a chi giova?". In Italia non abbiamo un'emergenza sanitaria che giustifichi l'imposizione di dodici vaccini, in più in diversi paesi europei le vaccinazioni, pur essendo fortemente raccomandate, non vengono imposte per legge. Se invece si volge lo sguardo verso uno dei giganti dell'industria farmaceutica, la Glaxo, ci si accorge di diversi, clamorosi tentativi di condizionare illegalmente le politiche sanitarie di diversi stati.

Ti piace il giornale ?
  • Voti: (0%)
  • Voti: (0%)
Totale dei voti:
Primo voto:
Ultimo voto:
 
Powered by Sexy Polling
 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il pulsante qui sotto